+39 - 389 55 29 464 coef.eventi@gmail.com

Il fidanzamento è sempre stato, quasi ovunque, il rito di passaggio per arrivare al matrimonio. Nelle diverse epoche e culture ha assunto forme molto diverse: dalla presentazione alla famiglia d’origine del “pretendente” o della “promessa sposa” allo scambio di regali e di doni aventi un forte significato simbolico, alla stipulazione di veri e propri “contratti nuziali”.

I romani si fidanzavano davanti a dei testimoni: l’unione, sopratutto economica e politica, delle due famiglie era simboleggiata da un anello di ferro che la sposa metteva all’anulare sinistro.
Nel Medioevo, il fidanzamento diventa ufficiale tramite la chiesa: i futuri sposi dovevano firmare un registro davanti al prete.
Oggi, il fidanzamento è soprattutto una maniera per far incontrare le due famiglie nel momento in cui si decide di sposarsi o andare a convivere.
Rimangono, certo, alcuni “rituali”, alcune usanze e consuetudini; ma spesso solo su un piano informale e meno impegnativo.
Ma cosa prevede il Galateo in merito alle regole per il fidanzamento?

regalo di fidanzamentoUn tempo la festa di fidanzamento era l’occasione per donare l’anello da parte del fidanzato, che in quel momento diventava il fidanzato ufficiale. L’anello di fidanzamento era ricambiato dalla fidanzata con un regalo di valore equivalente, come ad esempio un orologio d’oro.
Il ricevimento, organizzato dalla famiglia della sposa e per il quale gli inviti erano organizzati dalla madre, era il momento per l’annuncio vero e proprio che veniva enunciato dal padre.
Dobbiamo tenere presente che la forma aveva il suo valore, quindi il rispetto per le reciproche famiglie era alla base, si faceva di tutto per entrare nelle grazie dei genitori. Nel periodo di fidanzamento le giovani spose avevano un abbigliamento decoroso e non equivoco. Pensiamo se oggi dovessimo rinunciare a una maglietta un po’ scollata o a una minigonna?
Anche oggi, una volta stabilite le nozze nel seno familiare, è necessario che le famiglie si conoscano e, anche se si conoscono già, il galateo del matrimonio vuole che si celebri l’avvenimento con un pranzo intimo, al quale invitare al massimo i testimoni, se sono stati già scelti, qualche altro parente o amico strettissimo.

Secondo la tradizione il pranzo deve essere tenuto dalla famiglia di lei, che però può anche invitare al ristorante. La mattina del pranzo il fidanzato invierà alla futura suocera un mazzo di fiori.

A tavola il posto d’onore spetta ai fidanzati, che avranno di fronte a loro i genitori di lei i quali avranno rispettivamente alla loro destra e sinistra i genitori del futuro sposo. Se i genitori del fidanzato o della fidanzata sono divorziati, sarà bene fare attenzione ai rapporti che ci sono tra gli ex coniugi, magari organizzando due incontri separati.

pranzo fidanzamentoAlla fine del pranzo si farà un brindisi di augurio alla nuova coppia di fidanzati. Secondo la tradizione, i genitori di lui regalano un oggetto d’oro alla futura nuora, che solitamente è un gioiello di famiglia, con tutti i significati affettivi e simbolici ad esso legati.
La società odierna è invece più volta alla informalità e alla snellezza per cui alcune tradizioni e regole dettate dal galateo possono essere trasgredite senza creare grossi problemi.

Oggi, infatti, le famiglie sono quasi sempre a conoscenza della frequentazione, dei sentimenti e delle intenzioni dei rispettivi figli e non occorrono quindi discorsi formali ed ufficiali per annunciare la promessa di matrimonio.

anello di fidanzamentoMa una cosa alla quale non si dovrebbe mai rinunciare è l’anello di fidanzamento.

Piccolo o grande che sia, con diamante o altre pietre preziose, è un simbolo al quale nessuna donna dovrebbe mai rinunciare.

State con noi per saperne di più nel prossimo articolo!

Alessandra Carbonari per Sonia Galassi

Rubrica”Galateo del Matrimonio”