+39 - 389 55 29 464 coef.eventi@gmail.com

eb3ed5fb0fd3d663974abaabf755ea36Dopo aver trattato in modo approfondito la parte relativa a Come apparecchiare la tavola, primo passaggio per una perfetta Mise en Place, adesso voglio darvi maggiori elementi sulle tipologie diverse in base all’occasione, perché un’ottima donna deve saper sempre come comportarsi nel migliore dei modi, e sappiamo che non c’è uno standard, ma molto è dettato dalla situazione e dalla tipologia di persone con le quali ci si relaziona. Il Galateo,  per il suo essere una serie di norme di comportamento può sembrare un paradosso, ma in realtà, conoscendolo, rende più facili le relazioni umane. Infatti, seguendo certe norme si riducono gli imbarazzi, i malintesi, gli errori e ci permettono di controllare le proprie reazioni ed emozioni evitando conseguenze sgradevoli per noi e per gli altri. Il Galateo fa infatti da collante tra coloro che siedono alla stessa tavola e la sua funzione è quella di creare armonia, empatia e benessere reciproco.

Ecco perché è importante saper gestire diverse situazioni e riuscire a mettere a proprio agio le persone che saranno nostri ospiti.

LA MISE EN PLACE INFORMALE 3d360499a835c58ffba4f52e7037fef1

Non sempre la vostra tavola deve essere preparata con rigore e massima attenzione. Ci sono infatti occasioni in cui ci si può permettere di essere più rilassate, come ad esempio una cena con amici o familiari. Per una cena informale tra amici è più bello proporre una tavola apparecchiata con creatività, combinando forme, colori e materiali più insoliti. La tecnica di apparecchiatura è dettata di criteri di logica ed il principale è quello dell’ordine di utilizzo. Per le posate si inizia sempre da quelle esterne per il piatto che viene servito per primo e continuando verso l’interno per i piatti successivi. Il cucchiaio va collocato all’estrema destra, con la parte concava rivolta verso l’alto, quando la minestra o la zuppa sono il primo piatto.

La posizione del coltello è alla sinistra del cucchiaio con la lama rivolta verso il piatto per facilitare l’impugnatura e trovarsi direttamente nel verso utile per tagliare.

La forchetta viene sempre messa a sinistra del piatto con le punte rivolte vero l’alto, con l’eccezione nel caso fosse servita la pasta asciutta, in questo caso la forchetta si posiziona alla destra del piatto.

L’utilizzo delle posate, ribadiamo sempre cominciando dall’esterno, segue sempre questa successione: antipasto, pesce e carne. Non si mettono mai più di tre coltelli e tre forchette ai lati del piatto; nel caso servisse un’altra coppia di posate, portatela in tavola al momento dell’uso, appoggiata su un piatto pulito. La forchetta ed il coltello che verranno usati per ultimi, sono in prossimità del piatto, a non meno di un centimetro di distanza.

e4d2c297790226a3f99dc28613f1e3aaLA MISE EN PLACE FORMALE

Potete seguire queste istruzioni invece, nel caso aveste una cena o un pranzo con ospiti di riguardo, con i quali magari non avete una particolare confidenza. Per una cena formale è sempre meglio privilegiare materiali nobili come l’argento, la porcellana e il cristallo. I bicchieri si allineano in alto a destra a partire da sopra il coltello ed andando verso sinistra secondo questa successione:

– acqua

– vino bianco, acqua

– vino bianco, vino rosso, acqua e sul retro il vino da dessert o flute.

Il bicchiere si prende con la mano destra, passando dall’esterno, e la funzione  è evitare di intingere la manica nel piatto. Nel caso ci fosse un mancino e volessimo agevolarlo, la mise en place sarà invertita ed il bicchiere verrà preso con la mano sinistra.

Il piattino per il pane va posizionato in alto a sinistra al di sopra delle forchette, mentre alle posate da dessert si dedica lo spazio sopra il piatto e si posizionano in ordine invertito per facilitarne l’impugnatura. Nel caso aveste assegnato prima i posti a sedere, in occasione di una cena formale è una bella idea mettere dei segnaposto, che andranno posizionati al di sopra delle posate da dessert oppure legati al tovagliolo in modo, anche in modo creativo, con una piccola decorazione, erbe aromatiche di stagione o un regalo da lasciare ai commensali.

Schermata 01-2457411 alle 19.36.13

Il coltello da formaggio di solito non viene apparecchiato, ma portato a tavola sopra al piattino con il quale si serve (piccola nota: il formaggio non si mette nel piatto, ma si posiziona direttamente su un pezzo di pane e generalmente si serve solo per la cena).

Nel caso il vostro menù includesse del pesce e non disponete di posate apposite, mi raccomando di servire la pietanza già filettata ed apparecchiare solo la forchetta che il commensale utilizzerà insieme a pane o grissini.

Altra accortezza da tenere sempre presente è quella di mettere in tavola una saliera ogni due ospiti, una brocca d’acqua ed una bottiglia di vino ogni quattro persone. Il vino si presenta sempre nella sua bottiglia, in modo che le persone possano leggere l’etichetta con informazioni connesse.

Schermata 01-2457412 alle 09.41.56

Ovviamente tutte queste informazioni vanno valutate in base al tipo di menù che si vuole proporre.

Ho pensato anche a questo per voi e potete trovare tutte le informazioni di cui necessitate su Come Scegliere il Menù.

Schermata 01-2457412 alle 09.45.33Alessandra Carbonari